Istituzioni di filosofia

Volume in ristampa

Maggiori dettagli

18,00€

Scheda tecnica

autore Emanuele Severino
editore EDITRICE MORCELLIANA SRL
pagine 240
prezzo in euro 18
data pubblicazione 26/11/2010
collana FILOSOFIA
EAN 9788837224561

Dettagli

Questo corso di Istituzioni di Filosofia, pubblicato in forma di dispensa nel 1968, rappresenta uno degli ultimi momenti  dell’insegnamento di Emanuele Severino all’Università Cattolica di Milano, dalla quale si allontanerà nel 1970 per passare all’Università di Venezia. È un ciclo di lezioni contemporaneo alla stesura dei saggi Il sentiero del Giorno (1967), La terra e l’essenza
dell’uomo (1968), Risposta ai critici (1968), in cui Severino approfondisce la svolta iniziata con Ritornare a Parmenide, e che culminerà con la raccolta di questi e altri saggi nel libro Essenza del nichilismo (Paideia, 1972). Ripensando a queste lezioni, Salvatore Natoli, allora assistente di Severino, ha scritto: «Severino [...] mi ha costretto a dare consistenza alle mie argomentazioni filosofiche, a fornire giustificazioni adeguate alle mie tesi e direi che mi ha definitivamente vaccinato dai vizi delle mode filosofiche».
Rigore dell’argomentazione e attenzione al variare del significato delle categorie e dei problemi costitutivi della filosofia (identità, contraddizione, dialettica, verità, realismo, idealismo...): questo in sintesi il contenuto del libro. Pagine che, a più di quarant’anni dalla stesura, permettono al lettore, come agli uditori di allora, di fare esperienza di cosa significa educare al pensiero: filosofare è saper declinare in modo riflessivo l’Èlenchos, la confutazione come fondamento dell’argomentazione. Uno stile che fa di questo testo un luogo privilegiato per entrare nel laboratorio didattico di un pensatore che è stato definito il doctor implacabalis.

Emanuele Severino è uno dei maggiori filosofi contemporanei. Per i tipi della Morcelliana ha pubblicato: Democrazia, tecnica, capitalismo (20102). Tra le sue opere più recenti: Oltrepassare (Adelphi, 2007), Immortalità e destino (Rizzoli, 2008), L’identità del
destino. Lezioni veneziane (Rizzoli, 2009), L’intima mano. Europa,filosofia, cristianesimo, destino (Adelphi, 2010).



«È questa la pericolosità della filosofia: noi ci comportiamo secondo determinati usi, secondo determinate convinzioni, per esempio la convinzione religiosa. Ora la filosofia è appunto riflessione critica su tutto questo, perché è esigenza di appurare il fondamento di tutto questo e nega tutto questo nella misura in cui si presenta come qualcosa di non fondato. La filosofia ha invece la pretesa di porsi essa stessa come sfondo ultimo, criterio ultimo di critica in base al quale tutto viene giudicato; ed è per questo che i rapporti filosofia-religione sono sempre stati difficili, drammatici».


30 other products in the same category: