Visualizza ingrandito

Pedagogia del gioco e teorie della formazione

In Stock

13,00€

Scheda tecnica

autore Bobbio Andrea
pagine 192
data pubblicazione 27/11/2014
EAN 9788835039495

Dettagli

PRESENTAZIONE
Il gioco, mèntore e dèmone allo stesso tempo, è un dispositivo formativo seducente e inquieto, da sempre studiato dalla pedagogia e mai compreso esaustivamente in un univoco orizzonte teoretico. A ogni indagine si rivela come un caleidoscopico turbinare di significati, spesso di segno contrapposto: il gioco è simultaneamente, o alternativamente, fonte di gioia e scarico di aggressività, manifestazione di eros oppure di thanatos, indizio di complicità e/o di competizione. Il gioco si associa allinfanzia ma, in senso propriamente pedagogico, contrassegna lesistenza e il suo appello verso la vita. Il volume ripercorre la sterminata estensione semantica del termine gioco in uno sguardo che ha lintenzione di restituire al lettore alcuni significati particolarmente pregnanti in chiave formativa. Il gioco come dispositivo dinculturazione, apprendimento e formazione personale (prospettiva antropologica); come fonte di civiltà e di progresso umano (prospettiva culturale); il gioco si collega alle teorie sulluomo e la sua educabilità (dimensione storico-teoretica) e, in una prospettiva didattica, il gioco è visto come fondamento metodologico di due realtà educative particolarmente attuali e che hanno assunto un autonomo valore idealtipico: la scuola dellinfanzia e lesperienza scout. Una riflessione utile tanto ai cultori delle scienze umane quanto a chi intenda approfondire la tematica del gioco in una prospettiva più educativa.
SOMMARIO
Introduzione Capitolo primo - Gioco e cultura per un nuovo umanesimo Capitolo secondo - Il gioco come dispositivo pedagogico Capitolo terzo - Il gioco come metodo: la scuola dellinfanzia Capitolo quarto - Il gioco come metodo: lo scoutismo Bibliografia Indice dei nomi

30 other products in the same category: