• Nuovo
Estetica e metafisica

Estetica e metafisica

9788837236762
Disponibile
21,00 €
Nessuna tassa

Disponibile dal 15 novembre

facebook twitter whatsapp flickr flickr
 

Il volume raccoglie alcuni dei più importanti saggi di Luigi Pareyson scritti fra il 1950 e il 1972, significativi per far luce sulla stretta relazione da lui indicata fra estetica e metafisica. Per Pareyson, l’arte ha una «portata metafisica»: la singola opera artistica è capace di mostrare il «segreto originario della realtà universale». Lo stesso punto di vista esistenziale, imprescindibile nell’arte e nella vita quotidiana, è reso possibile dalla metafisicità della realtà. Viceversa alla metafisica, nel suo esser fondamento di ogni reale, è intrinseca la via di accesso personale, dell’artista e dei suoi interpreti. Ma interpretazione personale non significa relativismo o soggettivismo individuale, bensì  conoscenza di forme da parte di persone», espressione personale simultanea a una rivelazione veritativa universale, trascendente e incarnata assieme. C’è interpretazione solo se la persona, esprimendo se stessa, rivela la verità metafisica nella sua stessa presenza materiale nell’opera d’arte. Non si dà pertanto estetica senza metafisica.

«La bellezza è la contemplabilità della forma in quanto forma. Dico forma non come contrapposta a contenuto o a materia: la forma è organismo, vivente di vita propria e dotato di una legalità interna: totalità irripetibile nella sua singolarità, indipendente nella sua autonomia, esemplare nel suo valore onniriconoscibile, conclusa e aperta insieme nella sua definitezza che racchiude un infinito, perfetta nell’armonia e unità conferitele dalla sua legge di coerenza, intera nell’adeguazione reciproca fra le parti e il tutto». (Luigi Pareyson)

LUIGI PAREYSON (1918-1991) è stato uno dei maggiori filosofi esistenzialisti e fra i protagonisti del dibattito ermeneutico novecentesco, elaborando nell’ultima fase del suo pensiero una ontologia della libertà segnata da un fecondo dialogo con il cristianesimo. A lungo docente di Estetica e poi di Filosofia teoretica all’Università di Torino (1945-1988), insegnò anche in Argentina all’Università del Cuyo di Mendoza (1948-1949) e all’Università di Pavia (1951-1952). Ha diretto la «Rivista di Estetica» (1956-1984) e l’«Annuario filosofico» (1985-1991). Tra le sue pubblicazioni: Studi sull’esistenzialismo (Firenze 1943); Esistenza e persona (Torino 1950); Fichte (Torino 1950); Estetica (Torino 1954); Verità e interpretazione (Milano 1971); Prospettive di filosofia contemporanea (Milano 1993); Dostoevskij (Torino 1993); Ontologia della libertà (Torino 1995); Essere libertà ambiguità (Milano 1998); Iniziativa e libertà (Milano 2005).


 Sommario

autore
Luigi Pareyson
editore
MORCELLIANA
pagine
272
curatore
a cura di Francesco Tomatis
prezzo in euro
21
data pubblicazione
2022
collana
ESTETICA
EAN
9788837236762
CategoriaEditore
V
CodiceStatoDisp
D
No reviews
Prodotto aggiunto alla wishlist
Prodotto aggiunto al confronto

Proseguendo nella navigazione su questo sito Web, l’utente acconsente all’uso dei cookie .

I cookie vengono utilizzati per offrire all'utente contenuti in linea con i suoi interessi e per consentire transazioni sicure.

Fare clic qui  per ricevere ulteriori informazioni.