HUNGRVAKA. IL RISVEGLIA APPETITO

HUNGRVAKA. IL RISVEGLIA-APPETITO

9788837232108
Disponibile
20,00 €
Nessuna tassa

facebook twitter whatsapp flickr flickr
 

L’Hungrvaka (Il Risveglia-appetito) è una breve storia dei primi centoventi anni della Chiesa d’Islanda, ovvero dei cinque vescovi della diocesi di Skálholt avvicendatisi dal 1056 al 1176. Si tratta di un compendio, scritto in volgare per avvicinare i giovani alla storia del loro paese, che segue a distanza di circa settant’anni Il libro degli Islandesi, composto dal prete Ari Thorgilsson su sollecitazione dei vescovi di Skálholt e di Hólar, seconda diocesi dell’isola istituita nel 1106. La storia medievale dell’Islanda, disabitata fino al ix secolo e poi colonizzata prevalentemente dai Norvegesi tra l’870 e il 930, è essenzialmente la storia della sua Chiesa e dei suoi presuli, dopo l’accettazione del Cristianesimo come unica religione nell’anno Mille. Una conversione avvenuta senza spargimento di sangue, in quanto realizzata con un atto giuridico dell’Althingi, l’Assemblea generale che a partire dal 930 fu l’unica forma di governo in un paese amministrato da singoli capi (goðar) nei vari distretti. Sempre in maniera pacifica, a differenza di quanto si verificò in altre terre nordiche, fu introdotta in Islanda anche la decima, nel 1096, grazie all’autorità e alla popolarità di cui godeva il vescovo Gizurr. Le conseguenze politiche, culturali e sociali legate all’avvento del Cristianesimo e alla guida dei primi vescovi, veri e propri padri della patria – come li definisce un testo latino del 1200 –, le troviamo accennate nel libro di Ari e più ampiamente illustrate nell’Hungrvaka, attraverso le biografie dei cinque predecessori del santo vescovo Thorlákr Thórhallsson (1178-1193), riconosciuto patrono d’Islanda anche dalla Chiesa cattolica. Dai soggiorni di studio sul continente dei futuri vescovi alla fondazione delle scuole cattedrali sull’isola, dai contatti dei vescovi eletti con i pontefici di Roma all’istituzione in Scandinavia di nuovi arcivescovati, dall’eco della cantilena di san Lamberto alla notizia della traslazione delle reliquie di Nicola di Myra a Bari, dalle scomuniche papali all’assassinio di san Thomas Becket, il racconto dell’anonimo autore dell’Hungrvaka lascia emergere il progressivo inserimento della remota isola del Nord Atlantico nell’alveo della storia europea e della cultura cristiana latina. E grazie a quest’ultima l’Islanda, depositaria di un’antica e ricchissima tradizione orale, poté farsi anche interprete e custode del proprio passato eroico e leggendario affidandolo a una tradizione scritta.



Carla Del Zotto insegna Filologia germanica alla Sapienza Università di Roma. Fra le sue pubblicazioni: La Hymiskviða e la pesca di Thórr nella tradizione nordica (Roma 1979); Il Physiologus in Islanda (Pisa 1992); Edda poetica. Il Carme di Sigrdrifa (Milano 2003); La letteratura cristiana in Islanda (Roma 2010).

sottotitolo
Breve storia della prima Chiesa d'Islanda
editore
MORCELLIANA
pagine
128
curatore
a cura di Carla Del Zotto
prezzo in euro
20
data pubblicazione
26/04/2018
collana
QUADERNI DI SMSR
EAN
9788837232108
No reviews

11 altri prodotti nella stessa categoria:

Prodotto aggiunto alla wishlist
Prodotto aggiunto al confronto

Proseguendo nella navigazione su questo sito Web, l’utente acconsente all’uso dei cookie .

I cookie vengono utilizzati per offrire all'utente contenuti in linea con i suoi interessi e per consentire transazioni sicure.

Fare clic qui  per ricevere ulteriori informazioni.