Antiche infanzie

Antiche infanzie

9788837234478
Disponibile
25,00 €
Nessuna tassa

facebook twitter whatsapp flickr flickr
 

I saggi raccolti nel volume indagano il tema dell’infanzia in prospettiva storico-religiosa, lungo un arco cronologico che va dal III millennio a.C. al VI sec. d.C., con un approccio multidisciplinare. Il confronto fra contesti culturali, geografici e cronologici diversi fa emergere una notevole continuità nella percezione dell’infanzia, ma anche elementi peculiari a ciascun ambito. In tal senso l’osservazione del “trattamento religioso” del bambino si conferma centrale e strumento ideale per far emergere specificità e consonanze. La documentazione di cui disponiamo non restituisce una percezione del bambino in quanto tale, fornendo semmai informazioni su alcune specifiche serie di “non adulti”. Nel mondo antico è la stessa categoria “bambino” a essere problematica. In tale contesto le società sembrano prioritariamente interessate a trasformare più rapidamente possibile il “non adulto” in “un adulto” coerente ai propri fini. L’attenzione ricade essenzialmente su quei bambini che si trovino nelle condizioni di potere o dovere affrontare tale processo. Essi risultano, infatti, titolari di tutele sacrali, riti e funzioni allorché sono presi in considerazione nella loro qualità di “prole”, “figli”, membri in itinere di un determinato gruppo. La maggior parte dei bambini documentati, del resto, è caratterizzata da una provenienza sociale alta o medio-alta, mentre sul destino degli altri sappiamo poco o nulla, così come scarsissime sono le informazioni sulle bambine. In definitiva sembra delinearsi una distinzione quasi ontologica fra bambini-figli e bambini tout-court.


Anna Maria Gloria Capomacchia ha insegnato Storia delle religioni presso Sapienza Università di Roma. Tra le sue pubblicazioni: L’eroica nutrice. Sui personaggi “minori” della scena tragica greca (Roma 1999) e, con M.G. Biga, Il politeismo vicino-orientale. Introduzione alla storia delle religioni del Vicino Oriente antico (Roma 2008).

Elena Zocca è Professore Associato di Storia del cristianesimo e delle chiese presso Sapienza Università di Roma e Professore invitato presso l’Istituto Patristico Augustinianum. Fra le sue pubblicazioni: Dai santi al “Santo” (Roma 2003); Possidio. Vita di
Agostino (Milano 2009).

A.M.G. Capomacchia ed E. Zocca hanno curato insieme due volumi scaturiti dallo stesso progetto di ricerca in cui si inserisce il presente: Il corpo del bambino tra realtà e metafora nelle culture antiche (Brescia 2017) e Liminalità infantili. Strategie di inclusione ed esclusione nelle culture antiche (Brescia 2019).




 Sommario

sottotitolo
Percezioni e gestione sacrale del bambino nelle culture del Mediterraneo e del Vicino Oriente
autore
Anna Maria Gloria Capomacchia - Elenza Zocca (eds.)
editore
MORCELLIANA
pagine
256
prezzo in euro
25
data pubblicazione
2020
collana
QUADERNI DI SMSR
EAN
9788837234478
No reviews

11 altri prodotti nella stessa categoria:

Prodotto aggiunto alla wishlist
Prodotto aggiunto al confronto

Proseguendo nella navigazione su questo sito Web, l’utente acconsente all’uso dei cookie .

I cookie vengono utilizzati per offrire all'utente contenuti in linea con i suoi interessi e per consentire transazioni sicure.

Fare clic qui  per ricevere ulteriori informazioni.