Filippo Crispolti

Filippo Crispolti

9788837232214
Non disponibile
33,00 €
Nessuna tassa


facebook twitter whatsapp flickr flickr
 

Che cosa si intende per ideologia “clerico-fascista”? Quali furono i rapporti tra Santa Sede e fascismo? È possibile rispondere a queste domande ripercorrendo la biografia di Filippo Crispolti. Intellettuale, giornalista, esponente di spicco del movimento cattolico di inizio Novecento e direttore di quotidiani tra cui «Avvenire», Crispolti aderì al Partito popolare italiano prima e al fascismo poi. Fu uno dei massimi interpreti di quel cattolicesimo nazionale emerso a metà Ottocento e consolidatosi con il Regime fascista e grazie alla politica filo-cattolica inaugurata da Mussolini. Una prospettiva inedita che aggiorna – grazie a recenti ritrovamenti archivistici – il dibattito storiografico in merito al tortuoso incontro tra cattolici italiani e idea di nazione e al coinvolgimento delle destre cattoliche nel consolidamento del fascismo.

MATTEO BARAGLI è dottore di ricerca in Storia contemporanea presso la Scuola Normale di Pisa. Ha pubblicato, con Stefano Sodi, Vince in bono malum. Gabriele Vettori (1869-1947). Un vescovo tra le due guerre (Edizioni ETS, 2015).


 Sommario


 Presentazione a Firenze (12/06/2019)

sottotitolo
Un profilo politico fra cattolicesimo e nazione (1857-1942)
autore
Matteo Baragli
editore
MORCELLIANA
pagine
432
prezzo in euro
33
data pubblicazione
2018
collana
STORIA
EAN
9788837232214
No reviews

16 altri prodotti nella stessa categoria:

Prodotto aggiunto alla wishlist
Prodotto aggiunto al confronto

Proseguendo nella navigazione su questo sito Web, l’utente acconsente all’uso dei cookie .

I cookie vengono utilizzati per offrire all'utente contenuti in linea con i suoi interessi e per consentire transazioni sicure.

Fare clic qui  per ricevere ulteriori informazioni.