Derrida e le arti

20,00€

Scheda tecnica

autore Martino Feyles
editore MORCELLIANA
pagine 256
prezzo in euro 20
data pubblicazione 2018
collana QUADERNI PER L'UNIVERSITA'
EAN 9788837232511

Dettagli

Il confronto con le arti e la letteratura è una costante nell’evoluzione del pensiero di Derrida. Mallarmé, Ponge, Artaud, Jabès, Joyce, Valéry, Adami sono alcuni dei protagonisti di un dialogo ininterrotto, che segna i passi fondamentali del cammino filosofico derridiano. In questo libro l’autore propone un commento critico dei saggi più significativi che Derrida ha dedicato alle arti e alla letteratura. Confrontarsi con questi testi, spesso oscuri ed enigmatici, significa accettare una sfida ermeneutica e cercare di “decifrare” gli innumerevoli significati nascosti tra le righe. Questo lavoro d’interpretazione produce un risultato duplice. Da una parte emerge chiaramente che – nonostante la diffidenza di Derrida nei confronti dell’estetica – l’incontro tra estetica e decostruzione è non solo possibile, ma anzi necessario. Dall’altra parte un’analisi approfondita dei testi consente di evidenziare i problemi e le difficoltà che sembrano caratterizzare l’approccio decostruzionista alle arti e ai testi letterari.


MARTINO FEYLES insegna Estetica alla Pontificia Università Lateranense. Si è occupato in particolare di problemi e autori dell’estetica contemporanea, della fenomenologia, della decostruzione. Recentemente ha pubblicato il volume Margini dell’estetica (Mimesis 2016) e ha curato, con Pietro Montani e Dario Cecchi, il volume collettivo Ambienti Mediali (Meltemi 2018).

 

14 other products in the same category: